Il “coro del raglio”

Corpo Forestale Sicilia

Pare che la Giunta regionale voglia inserire la Polizia Provinciale e le Guardie del Parco dei Nebrodi nel Corpo Forestale della Regione Siciliana.

Questa notizia ha provocato sui social: “forestali in divisa” e “a.n.fo.i. gruppo”, un “coro del raglio”. Centinaia di acuti e bassi “aaah iaaah” perfettamente intonati. Bisogna dire  qualche stonatura c’è, si tratta di ragli fuori dal coro e certo meno asinini.

Ma andiamo alle arie del “coro del raglio”: aria dei gradi presi coi punti mira lanza; aria della detronizzazione cioè vengano, ma comandiamo noi (come se il cfrs fosse una cosa nostra),; aria si prendono l’indennità; aria ora ci organizziamo (attività in attesa da 35 anni); aria rivolgiamoci all’onorevole (magari portando un cestino di funghi, quattro ricotte (speriamo che non siano poche), na pezza di pepato, sissi vediamo chi è stato eletto; ecc. ecc..

Ora abbiamo pubblicato la vignetta del 2003 per ricordare ai Lettori Forestali di Pinus – quelli non Forestali lo sanno – che i gradi ci sono piovuti addosso, senza badare se le teste avessero capelli o fossero tigne, ancor meno se fossero piene, semivuote o vacanti del tutto.

Discorso diverso, ma sempre uguale, si può fare per la grande unione negli intenti: cerchiamo chi può toglierci le castagne dal fuoco il POLITICO, u zio onorevoli, ora ci sono quelli appena letti. Ma dopo la trentennale esperienza, cercare ancora chi ci toglie le castagne dal fuoco appare idiota al quadrato.

Oppure, già oppure, si tratta del “coro del raglio” di schecchi nto linzolu e si tratta ragliate per  fare scena, na sceneggiata napoletana del regno delle due sicilie.

Cordiali saluti a tutti gli ex colleghi Forestali, attuali colleghi coristi del “coro del raglio”.

Non posso non accettare l’invito della cara Venere, la quale mi invitava a non aggredire, ma di suggerire qualcosa da fare.

Molto semplice, da domani nei brogliacci dei Comandi forestali non chiedete più il resoconto del servizio di pattuglia con la dicitura: eseguito come contro nulla da segnalare. Da domani guardatevi intorno e provate a rilevare quanto c’è da rilevare, perché c’è già tanto da rilevare. Se non lo volete fare per dignità di lavoratori e dovere di ufficiali di pg e ps, fatelo per avere la possibilità di andare a chiedere senza correre il rischio di essere pernacchiati.

Seconda cosa da fare: la rappresentanza. O vi fare rappresentare dai sindacati o vi rappresentate da voi. Ma ricordate quello che dissi a Caltanissetta nella prima riunione del cd “comitato”: legalizzate il comitato con registrazione e rappresentanza legale. Vi costerà degli euri, ma saranno pochi se sarete molti. Se non sarete molti è inutile spendere anche poco.

Potrete tornare placidamente a sparare mischiate, che è sempre divertente ascoltare e leggere.

GT

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corpo Forestale Sicilia
Ufficiale superiore del Corpo Forestale siciliano nominato commissario del Parco dei Nebrodi

Messina, 18 febbraio 2018 – Come preannunciato qualche giorno fa, il presidente della Regione Siciliana Musumeci, ha attuato lo spoils system anche ai vertici del Parco dei Nebrodi, provocando reazioni politiche e non solo. In attesa della nomina dei vertici, il Parco è stato commissariato e l’incarico è stato affidato …